Dalai Lama: Renaissance


dalai-lama-renaissance-dvd-copertina-300dpiQuaranta dei più grandi pensatori innovativi di tutto il mondo si sono riuniti per formare il gruppo Synthesis, andare in India, incontrare il Dalai Lama e risolvere molti dei problemi del mondo.

Questo film-documentario di Khashyar Darvich è la cronistoria dei giorni trascorsi alla residenza del Dalai Lama dal gruppo capeggiato da Wayne Teasdale, monaco cattolico che fino alla sua morte, nel 2004, si è occupato di far incontrare, e comprendere mutualmente, religioni diverse. L’idea alla base di questo progetto è quella di mettere a confronto menti eccellenti e creative, esperte ognuna nel proprio campo professionale, appunto per trovare soluzione ad alcuni problemi del mondo. Tra questi riconosciamo il già nominato Wayne Teasdale, Vandana Shiva (fisica, ambientalista), Fred Alan Wolf e Amit Goswami (fisici quantistici). Il gruppo si riunisce con un piano di lavoro ben definito: turnazioni ai tavoli, dove si alternano le persone per fare brainstorming. Ci sono poi dei facilitatori che hanno la funzione di catalizzatori. I membri del gruppo dovranno incontrarsi e confrontarsi per alcuni giorni. Dopo questo tempo, alcuni prescelti incontreranno personalmente il Dalai Lama per esporgli i risultati del gruppo, le soluzioni che ha trovato per salvare il mondo.

Fin da subito ci accorgiamo che l’ego espanso di alcuni di questi personaggi rappresenta un vero e proprio problema per “fa scorrere l’energia”, come dicono loro. Problemi di comunicazione per le troppe discipline differenti, con troppi linguaggi specifici tra loro incomprensibili? Oppure troppi galli nello stesso pollaio? Troppi scienziati presuntuosi o troppo poco disponibili ad ascoltare?

I giorni passano, la tensione è sempre abbastanza alta. Si parla di compassione, di energia. Tutti, o quasi, vogliono poter incontrare personalmente il Dalai Lama alla fine di questo percorso. Ma sembra che ognuno voglia soltanto dare qualcosa di suo, e non il prodotto del gruppo. Qualcun altro non esita a confessare, più o meno esplicitamente, che il motivo per il quale si trova lì è di essere visto, ascoltato, riconosciuto dal Dalai Lama. Goswami, senza tanti mezzi termini, dichiara di essere un uomo intelligente (e come dargli torto?) e per questo meritevole (di questo parliamone…) di incontrare di persona Sua Santità il Dalai Lama, non desiderando essere rappresentato da altri.

I giorni continuano a passare e il piano d’azione ideato per gestire i lavori del gruppo comincia a sgretolarsi, fino a che la questione principale diventa chi vuole/non vuole parlare col Dalai Lama.

Alla fine arriva anche il giorno fatidico, e i prescelti possono incontrare Sua Santità.

Viene da sorridere quando scopriamo che la proposta che queste grandi menti sono riuscite a confezionare si concretizza, in sostanza, nel boicottare il mercato Cinese…

Alla fine di questa esperienza, il mondo non è cambiato e nemmeno sono state trovate soluzioni per la sua cura. Quello che vediamo è che la risposta del Dalai Lama alla proposta del gruppo (l’unico motivo a mio parere per il quale valga la pena di vedere questo film) è sufficiente per innescare un cambiamento nel gruppo delle menti. È impressionante come una sola persona, semplice, con un linguaggio semplice, riesca a mettere a tacere tutti questi vulcani di sapere, che per tutto il tempo hanno parlato di compassione, di aprire il cuore e di energia, forse più per adattarsi al linguaggio del caso che comprendendo cosa tutto ciò voglia realmente dire e come si faccia a metterlo in pratica. Rinascita dunque, sì, ma di questo gruppo, non del mondo. Instillare però il cambiamento in questo gruppo di divulgatori è come far cadere una goccia di olio essenziale in un diffusore: l’essenza raggiungerà luoghi lontani, che la sola goccia non avrebbe potuto toccare, e quindi i concetti che questi scienziati diffonderanno in futuro, e che raggiungeranno ogni loro lettore, non potranno non risentire di questa esperienza col Dalai Lama, della sua essenza.

Info aggiuntive

Distribuito da: Mt0 – Macroticonzero
Data pubblicazione: Aprile 2011
Durata: 81’+ 5’ extra DVD
Tipo: DVD + libretto
Libretto: 36 pagine
Formato Video: 4:3 PAL Colore
Audio: Italiano – Stereo 2.0
Categorie: Film per riflettere
Prezzo: 25,50 euro

Acquista col 50% di sconto

foto: maxresdefault.jpg

Share

Francesco Albanese

Psicologo, psicoterapeuta, giornalista. Da quasi quindici anni mi occupo di divulgazione on-line e su carta stampata. Sono fondatore responsabile delle riviste Neuroscienze.net e QuanticaMente.net. Da sempre interessato agli aspetti psicologici legati alla dimensione spirituale dell’essere umano, sono alla continua ricerca dei punti di incontro tra scienza e spiritualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *