La Rivoluzione Quantica


The Quantum Activist

Ripensare la Scienza per Cambiare il Mondo

 

la-rivoluzione-quantica-dvd-the-quantum-activistThe Quantum Activist è un film con un solo protagonista, Amit Goswami. O meglio, è un film su Amit Goswami.
Goswami è un fisico quantistico di origine indiana, ex professore universitario adesso in pensione, autore di svariati libri tradotti in nove lingue, tra cui Quantum Mechanics, un manuale di fisica quantistica molto apprezzato nelle università di tutto il mondo e utilizzato come testo introduttivo alla matematica di base della fisica quantistica.
Ma quante persone hanno pubblicato molti più libri di Goswami, e insegnato nelle università di mezzo mondo, e non hanno avuto l’onore di essere i protagonisti di un film su loro stessi! Allora? viene da chiedersi, Perché un film proprio su di lui?

 

Perché Goswami propone qualcosa di nuovo: una scienza basata sul primato della coscienza.
Secondo Goswami, il fondamento della realtà è la coscienza, non la materia. Siamo riusciti, dice, ad addestrare un’intera generazione di bambini in base all’idea che tutto sia materiale. Ma la fisica quantistica, la fisica delle possibilità, ci insegna proprio il contrario, e cioè che gli oggetti non esistono di per sé, perché sono solo onde di possibilità.
Ma possibilità per chi? Per la coscienza. Possibilità tra le quali può scegliere per creare la realtà. Quando la coscienza non sceglie, gli oggetti sono onde di possibilità. Ogni volta che la coscienza osserva, le onde collassano e diventano oggetti dell’esperienza cosciente. E questo vale sia per gli oggetti che per i pensieri.
Negli anni ’70, il fisico Fred Alan Wolf coniò l’espressione Noi creiamo la realtà. Racconta Goswami, sorridendo, che tutti subito cominciarono a cercare di far materializzare un’auto nel proprio garage, ma nessuno ci riusciva. Così, provarono a far materializzare dei parcheggi, un po’ più facile, ma anche lì i risultati furono scarsi… Allora ciò che abbiamo detto finora non è vero? Non possiamo creare realmente la realtà?

Noi creiamo la realtà, certo, ma c’è una sottigliezza, spiega: creiamo la realtà in uno stato non ordinario di coscienza, quando non siamo identificati con l’Ego. Quella di cui facciamo esperienza diretta non è la coscienza sottile, ma l’Ego. Le scelte dell’Ego sono condizionate dalle esperienze, e in quell’Ego non possiamo scegliere. Dietro al nostro Ego c’è una coscienza interconnessa, che non è un Dio dualistico, ma unitario, totalitario, pervasivo. Qui il soggetto è uguale all’oggetto, l’osservatore è uguale all’osservato, il creatore è uguale al creato. Qui la separazione è illusoria, e l’osservatore, il cervello, è solo una delle scelte della coscienza, tra le infinite possibili.

Dalle parole di Goswami arrivano i colori dell’India e il profumo degli incensi e in tutto il film si respira odore di scienza, ma anche di spiritualità, un connubio reso armonico dai principi della fisica quantistica.
Il pensiero innovativo di Goswami è molto simile a quello dei mistici, che dicono che è la coscienza a creare la realtà. Il termine Dio è usato dai mistici per indicare la coscienza nel suo aspetto creativo. La soluzione della fisica quantistica di Goswami è molto simile, perché, nel suo modello, la scelta arriva dalla coscienza non locale, quantistica, che è essenzialmente uguale a Dio. Quindi, per Goswami, per vedere se ci sono prove di Dio nella scienza contemporanea, non si deve far altro che riconoscere in che modo Dio è collegato alla coscienza. Ma perché dovremmo cercare queste prove? Perché si tratta di un passo evolutivo fondamentale, anche solo per la sopravvivenza di base degli esseri umani su questo pianeta, dice Goswami.

Ed è un po’ questa la missione dell’Attivista Quantico, quella di riscoprire la presenza di Dio, della coscienza, in ogni cosa, perché il mondo materiale nel quale viviamo e nel quale crediamo strenuamente non è la base dell’esistenza: il fondamento dell’esistenza è solo la coscienza e noi dobbiamo imparare a pensare non in termini di oggetti, ma di possibilità. In altre parole, come spiega Goswami nel filmato extra, l’Attivismo Quantico è l’impiego di idee quantistiche per ottenere una trasformazione del sé e della società

Questo film è un concentrato del pensiero di Goswami, da lui sviluppato nel tempo attraverso libri come “The Self-Avare Universe”, “God is not Dead”, “The Physics of the Soul”, eccetera, non (ancora) tradotti in italiano. Per chi fosse spaventato da letture in lingua inglese, questa è un’ottima occasione per avvicinarsi a questo autore eclettico.

Un film sicuramente da vedere per il suo contenuto. Niente di speciale dal punto di vista della regia e del montaggio, quasi amatoriale.

 

Informazioni addizionali

ISBN: 9788864121291
Durata: 106′
Formato: Dvdbox
Casa editrice: MT0
Collana: Scienza e Conoscenza – DVD
Edizione: 1a Ed. Economica (Aprile 2015)
Prima edizione: Febbraio 2011
Prezzo: € 16,50

Acquista on-line su MacroLibrarsi

Share

Francesco Albanese

Psicologo, psicoterapeuta, giornalista. Da quasi quindici anni mi occupo di divulgazione on-line e su carta stampata. Sono fondatore responsabile delle riviste Neuroscienze.net e QuanticaMente.net. Da sempre interessato agli aspetti psicologici legati alla dimensione spirituale dell’essere umano, sono alla continua ricerca dei punti di incontro tra scienza e spiritualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *