Ma le cicogne portano ancora i bambini?


Guida in stato di ebbrezza e suicidi: una correlazione spuria

 

L’articolo 186 del Codice della Strada esordisce con un perentorio: “È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche”. È un incipit che, per la sua semplicità ed immediatezza, quasi fa paura. Non ci dovrebbe essere bisogno di dire altro, l’articolo potrebbe tranquillamente finire qui per come il legislatore è stato determinato. È vietato, punto. Non ci si deve preoccupare del cosa succede se, perché il divieto è ben chiaro, un limite invalicabile tra il lecito e l’illecito. Tuttavia non è mai così facile. Viviamo in un mondo fatto di polarità, percui per ogni principio esiste il suo contrario. Ed ognuno di noi non è altro che il prodotto di una dialettica tra poli opposti, ognuno dei quali tende a tiarci a sé. Siamo così contesi tra il bello e il brutto, tra il buono e il cattivo, il bene e il  male, il lecito e l’illecito. Siamo tutti un po’ quello e un po’ quell’altro, o, come diceva Baudelaire in I Fiori del Male, “Sono la piaga e il coltello! Sono lo schiaffo e la guancia! Sono le membra e la ruota, la vittima e il carnefice!”

Ma insomma, tutto questo filosofeggiare per dire cosa? Che al volante, dopo aver bevuto un po’, bene o male ci siamo messi tutti. “Sì, che c’entra, ma io non ero mica ubriaco!”, è il nostro immediato commento. Già. Non dimentichiamo però che per arrivare al “famigerato 0,5”, per un uomo di 70 kg è sufficiente bere tre bicchieri di vino, oppure una pinta e mezzo di birra, o un paio di grappini. Queste quantità sono eccessive per il Codice della Strada e per la fisiologia (si hanno riflessi più lenti di circa il 30%), ma forse non per come siamo abituati a pensarla noi. L’alcol è oggigiorno, insieme alla nicotina, il più importante genere voluttuario accettato dalla società. Aldilà del ruolo legato alla socializzazione che l’alcol ricopre (si beve quando si esce tra amici, si brinda per festeggiare, si offre da bere ad un ospite, e così via), si beve perché l’assunzione di alcol porta un autorinforzo, provocando la produzione di endorfine (oppiacei) nel cervello, che può restituire una sensazione di piacere e di euforia. Allo stesso tempo però la percezione dell’ambiente e di noi stessi è alterata, compresa la capacità di valutare obiettivamente il proprio grado di ebrietà. Da qui il classico “posso guidare tranquillamente, sto bene”. Capita poi che “dietro l’angolo” c’è la pattuglia della Stradale, e quelli sì che sono fissati col palloncino! “Guardi”, diciamo all’agente, “sono stato a cena con gli amici e ho bevuto solo un paio di bicchieri di vino”. Quando l’etilometro ci ricorda che in realtà i bicchieri erano forse tre, se non quattro, e che c’era anche un amaro, vediamo la nostra patente volatilizzarsi sotto gli occhi e ci ritroviamo a firmare un verbale. In un modo o in un altro ce ne torniamo a casa, maledicendo la serata, dandoci degli stupidi (o dandolo a qualcun’altro) e sforzandoci di immaginare come possa essere una vita senza patente.

Ma come si può arivare a suicidarsi per un fatto del genere? Questa infrazione è più grave delle altre? È più onerosa la trafila da dover seguire per riavere la patente? Ma soprattutto, è vero che ci si suicida con maggiore frequenza per il ritiro di patente a seguito di guida in stato di ebbrezza, rispetto ad altre infrazioni che comunque prevedono il ritiro di patente?

Uno dei modi che la scienza usa per comprendere i fenomeni naturali è lo studio di correlazione. Con questi studi si va a cercare la relazione causa-effetto che può sussistere tra due (o più) eventi e le modalità in cui al variare di un evento varia anche l’altro. Quindi, un facile esempio: se piove (causa) ci si bagna (effetto); e anche: più piove, più ci si bagna. Un esempio un po’ più difficile: se sei esquimese (causa) sei a minor rischio di malattie cardiovascolari (effetto): la correlazione non è così immediata, ma lo diventa se pensiamo che una delle principali fonti di alimentazione degli esquimesi è il pesce, ricco di omega3, fattore di protezione per le malattie cardiovascolari; in questo caso la vera correlazione sarebbe: più pesce mangi, più campi… E infine, ultimo esempio: ad una maggiore presenza di cicogne sui tetti in inverno (causa) corrisponde un maggior numero di nascite nell’autunno successivo (effetto). Ed è vero, non è uno scherzo. Quindi, sono davvero le cicogne che portano i bambini? No. Semplicemente, quella di cui stiamo parlando è una correlazione spuria, apparente. Non c’è una relazione causa effetto stretta tra i due fenomeni, ma la causa sta da un’altra parte, cioè nel freddo dell’inverno: più è freddo, più le cicogne tendono a nidificare sui tetti, alla ricerca di calore; allo stesso tempo, più è freddo, più le coppie tendono a stare a casa ed a trovare modi piacevoli per ingannare il tempo… Per tonare a noi, allora, è il ritiro della patente per guida in stato di ebbrezza che detemina il suicidio? No. Più probabilmente, è il disagio strutturale della persona che detemina sia il fenomeno dell’alcolismo che la tendenza al suicidio. Ma deve essere un disagio profondo, e si deve palare di alcolismo, non della bevuta con gli amici una sera. In accordo con Cavaliere, come già citato da Lorenzo Borselli in questo numero, “ciò avviene solo in persone che hanno un grave disturbo psichiatrico o che si trovano ad affrontare situazioni di vita che ritengono estreme ed insopportabili”. Avviene quindi in persone che si trovano in una situzione di crisi. Il termine crisi deriva dal greco krisis, che fa da krino, da separazione, come il crinale. Ma se si cammina su un crinale, basta poco, un colpo di vento, per perdere l’equilibrio e per cadere. E allora si può cadere dal versante della salvezza, per poi rialzasi e riprendere a camminare, oppure da quello della sconfitta, della stanchezza, e non rialzarsi più. In questo caso, la crisi potrebbe essere rappresentata da un disturbo psichiatrico sotto soglia non diagnosticato (perché mai sottopostasi la persona a valutazione clinica), per il quale il consumo di alcol potrebbe essere stato un effetto compensatorio secondario. Psicologia e medicina infatti, per spiegare gli eventi di malattia, parlano del modello diatesi-stress, vale a dire di una predisposizione, di malattie presenti in potenza nella persona, ma che non si manifestano fintantoché non si verifica un evento stressante che le fa venire alla luce, che in qualche modo rompe gli agini contenitivi. E forse è poprio di questo che si tratta nel nostro caso, di un disagio di vivere, di una fuga dal mondo, una fuga nell’alcol. Stiamo parlando di persone fragili, vulnerabili per le quali il ritiro di patente può rappresentare un ennesimo fallimento, per i quali la perdita della patente non rappresenta semplicemente la perdita della mobilità, ma l’immobilità, la perdita di ogni possibilità di movimento, di ogni via di fuga. Ed è da questa prospettiva che forse la resa finale rappresenta l’unica possibilità praticabile.

2010, “Ma le cicogne portano ancora i bambini? Guida in stato di ebbrezza e suicidi: una correlazione spuria”. Il Centauro, anno 16, nr. 140, pag. 20-21

Foto: cicogne_fucecchio.jpg

Share

Francesco Albanese

Psicologo, psicoterapeuta, giornalista. Da quasi quindici anni mi occupo di divulgazione on-line e su carta stampata. Sono fondatore responsabile delle riviste Neuroscienze.net e QuanticaMente.net.
Da sempre interessato agli aspetti psicologici legati alla dimensione spirituale dell’essere umano, sono alla continua ricerca dei punti di incontro tra scienza e spiritualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *